Pavimenti sopraelevati: versatilità per l’ufficio

Pavimento sopraelevato con intercapedine per passaggio dei cavidotti

Pavimenti sopraelevati: versatilità per l’ufficio

Forse non molti lo sanno ma, nella progettazione di un nuovo ufficio, è fondamentale pensare anche alla tipologia ed alla predisposizione dei pavimenti. Non solo per l’estetica ma anche e soprattutto per la versatilità, in caso di modifiche, dell’ufficio stesso perché gli spazi sono in continuo cambiamento.

 

In un ufficio moderno, sia esso operativo o direzionale, sempre più si cerca di nascondere cavi elettrici e di rete: una soluzione pratica e di design, per regalare alla vista uno spazio ordinato e pulito senza ricorrere ad opere murarie.
Ma cosa succede nel caso di inserimento di nuovo personale? Occorre predisporre nuove postazioni di lavoro, spostarle o modificarle: con una nuova disposizione delle scrivanie, occorre cambiare posto anche a molti altri componenti dell’arredo, tra cui proprio i cavi per portare l’elettricità alla postazione o quelli di rete, per il collegamento ad internet ed alla linea telefonica.

 

In questo caso è necessario l’intervento dell’elettricista e dei tecnici specializzati che dovranno lavorare sui muri dell’edificio per incrementare la portata del segnale posando nuovi cavi o per lo spostamento delle torrette e delle colonne a pavimento, danneggiando le stesse strutture e dovendo effettuare successivamente dei rattoppi: ad oggi, però, esistono soluzioni più efficienti come i pavimenti galleggianti sopraelevati che hanno la possibilità di ospitare al loro interno qualsiasi tipologia di cavo. Si compongono di un’orditura in acciaio zincato con piedini regolabili da pochi centimetri a oltre un metro; su questa solida struttura vengono appoggiati i pannelli che possono avere molteplici finiture superficiali, dal laminato al PVC, passando per il parquet o il gres porcellanato. Le quadrotte non solo sono resistenti, ma hanno anche un notevole pregio estetico.

 

L’intercapedine lasciata dalla struttura sopraelevata è proprio quella che consente l’alloggiamento di eventuali cavi, tubazioni o torrette, mentre la quadrotta removibile è quella che permette l’ispezionabilità e l’accesso. Un altro plus da non sottovalutare è la velocità di montaggio: niente più colla o stucco che deve asciugare, il pavimento galleggiante è immediatamente calpestabile dopo la posa. Lo stesso vantaggio lo ritroviamo in fase di smontaggio, proprio in occasione di riconfigurazioni dell’ambiente lavorativo.

 

Insomma, una soluzione altamente versatile e performante per l’ufficio, in quanto è in grado di nascondere alla vista la maggior parte dei cavi oltre ad offrire la possibilità di effettuare modifiche in caso di cambiamenti all’interno dello spazio di lavoro, senza mai tralasciare l’estetica ed il design.